Uno spritz con NINFEA eccezionale artista, vita e curiosità partendo da A TESTA ALTA (PART II)

Uno spritz con NINFEA  eccezionale artista, vita e curiosità partendo da A TESTA ALTA (PART II)

Diamo oggi il benvenuto a Asia Strangis, aka NINFEA , artista poliedrica che ci vizia e seduce con la sua arte. Recentemente impegnata nella promozione del lavoro A TESTA ALTA (PART II), approfondiamo con riconoscenza l’intervista a NINFEA , grati e onorati per il suo tempo e la cortesia riservataci! Affronteremo perciò aspetti musicali e di vita, NINFEA si aprirà a noi con quelle che sono le collaborazioni, fra le quali con Music & Media Press, le esperienze, come Festival Voci D’Oro,Tour Music Fest, il Trofeo Nilla Pizzi  e i progetti futuri. Tuffiamoci in questo mondo speciale e diamo un caloroso benvenuto a NINFEA!

Com’è nata tua la passione per la musica?

Ciao e grazie per questa intervista! Diciamo che la musica ha da sempre fatto parte di me. Inizialmente, il primo approccio l’ho avuto grazie alla danza, un’altra arte che mi ha donato molto e che ho praticato sin da quando avevo 4 anni, così fino ai 14. Poi in un periodo particolarmente difficile della mia vita, sentivo il bisogno di mettere per iscritto ciò che pensavo e provavo. Da lì è iniziata la mia grande passione per il cantautorato ed il canto e con tanta determinazione e studio mi ci sono letteralmente buttata a capofitto.

 

Come è stato concepito il lavoro A TESTA ALTA (PART II)?

 A TESTA ALTA (PART II) è la versione con la nuova me del mio primo singolo, uscito nel 2020. Affrontata con una maggiore consapevolezza e nuova timbrica ottenuta dopo aver lavorato sodo sulla mia voce, cercando quella particolarità che mi potesse distinguere dagli altri. Per quanto riguarda il testo invece, parla dell’importanza di focalizzarsi sugli aspetti positivi delle situazioni in cui ci troviamo, raccontando me stessa e la mia personale esperienza senza filtri.

 

E com’è nato il suo videoclip?

Il videoclip è nato insieme alla preziosa collaborazione di Lara Peviani, una persona dal cuore d’oro che sin da subito ha percepito la fragilità e sensibilità del brano, valorizzandolo a pieno con le immagini e rendendolo così più comunicativo per chi lo ascolta.

 

È prevista l’uscita di un disco?

No, ma solo per il momento =)

Com’è stato il percorso dall’esordio ad oggi?

Il percorso dall’esordio ad oggi nonostante sia iniziato all’incirca verso la fina del 2019, è stato colmo di passaggi, cambiamenti e alla ricerca della vera me, la quale si è ritrovata proprio grazie ai brani che scrivo e alla musica che li avvolge.

 

Quali sono le tue influenze artistiche?

Del cantautorato italiano, in particolare, devo molto ad Ermal Meta, è una grande ispirazione per me.

 

Quali sono le tue collaborazioni musicali?

In questi anni mi sono concentrata solo su me stessa, cercando prima di identificarmi in prima persona come artista. Ora, invece, mi sentirei pronta ad affrontare eventuali collaborazioni.

 

E la collaborazione con Music & Media Press nel lavoro in promozione?

Ho inviato varie email a diversi uffici stampa, ma Elisa Serrani, la titolare di Music & Media Press, è stata quella che mi ha colpita di più. Si vede che mette tutto il cuore nel suo lavoro e sostiene noi artisti nel migliore dei modi. La musica ha bisogno di supporto e lei è la prima a mostrarlo.

 

Quali sono i contenuti che vuoi trasmettere attraverso la tua arte?

Nei miei testi nonostante si possa evincere del dolore, hanno la particolarità di concludere sempre con la speranza nel cuore e la voglia di ricominciare, di rimettersi in gioco. Perché il sole torna sempre a splendere dopo la tempesta.

 

Parliamo delle tue pregiate esperienze di live, concerti e concorsi come Festival Voci D’Oro,Tour Music Fest e il Trofeo Nilla Pizzi ?

Sono tutte esperienze che mi hanno arricchita sia come artista, che persona. É stato proprio il coraggio di mettermi in gioco e sotto valutazione di giudici competenti ad avermi dato maggiore consapevolezza e conferme su ciò che voglio fare nella vita, arrivando anche ad ottenere premi che hanno affermato il valore della mia musica, come “il premio per il miglior brano inedito” ottenuto al FVD.

 

Cosa ne pensi della scena musicale italiana? E cosa cambieresti/miglioreresti?

Penso che la musica parli già da sé, non ha bisogno di essere commentata dagli altri. I risultati ne sono la conferma.

 

Oltre al lavoro in promozione quale altro brano ci consigli di ascoltare?

Consiglio a tutti di ascoltare “Ad occhi aperti” uscito il 03 Aprile 2021.

 

Come stai vivendo da artista e persona questo periodo del covid-19?

Questo periodo mi ha insegnato tanto e mi ha portato a rivalutare molte cose che nella vita si davano per scontate.

 

Quali sono i tuoi sogni nel cassetto?

Curare fin dove è possibile i cuori delle persone tramite la mia musica, come lei ha fatto con me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.